domenica 4 marzo 2012

La "conferenza", o meglio l'incontro, per discutere di Palestina: un sabato pomeriggio di riflessione.

La Palestina non fa share, direbbero gli esperti di comunicazione, ma all'incontro di ieri, c'è stata un'ottima partecipazione, soprattutto del "popolo della sinistra": in un'unica sala PD (ala ex Pds), SEL, Verdi e PRC, più l'associazionismo (e la destra dov'era??).
Molto interessante l'introduzione di Hani Gaber pro-console Palestinese per il nord-Italia e di Giuseppe Eriano, che hanno posto le basi storico-culturali della discussione e lasciato comprendere le ragioni di un conflitto poi tradotto in visual dal lavoro di Vento di Terra e dell'amministrazione di Rozzano (assessori Apuzzo e Piscelli) che, tra i pochi comuni d'Italia portano e porgono il sosteno necessario alla causa.

Il pro-console
Hani Gaber
Il video mostrato all'incontro era una sintesi del recente viaggio nei territori occupati di Vento di Terra, in collaborazione con l'Amministrazione di Rozzano nella persona di Stefano Apuzzo e del presidente D'Alema, una tra le poche personalità italiane da sempre impegnate senza dubbi sul fronte della pace e cooperazione internazionale in quella parte di mondo.
Interventi importanti anche da parte di Massimo Rossi di Vento di Terra e di Kader Tamimi, Presidente Comunità Palestinese della Lombardia: le esperienze sviluppate in loco ed il vissuto quotidiano aiutanola comprensione più di mille parole. Pregevoli anche le parole di Ciro Piscelli, che sul tema ha sempre manifestato una particolare sensibilità.
Un grande piacere aver re-incontrato l'ex don di Quinto, Gabriele, da sempre sostenitore di vento di Terra. Una persona squisita e schietta, che dell'amore e della fratellanza continua ad essere bandiera anche senza gli abiti talari.
Tra gli interventi durante l'incontro, quello di un astante
Eriano e Piscelli
chiamato Maurizio a chieder conto del perchè non sia possibile avere uno Stato e due Popoli, e, così la riporto, la nota di una partecipante, Miriam, che, nel ringraziare l'assessore Apuzzo per essersi prestato a promuovere l'evento e a condurlo, ne rende merito per il suo costante impegno sulla materia: "Condivido in pieno l'intento di fare conoscere una realtà così drammaticamente ignorata. Diffondendo cultura e informazioni si contribuisce ad abbattere il muro dell'immorale indifferenza e tu lo sai meglio di me.Un mio commento su questo tema è solo questo: chi viene contagiato dal male, come lo sono stati gli israeliani, tende paradossalmete a cercare una rivincita proprio mediante il male perchè ne conosce la portata. Fortunatamente il mondo è anche fatto di bene che è in grado di contrastarlo [...]".
E dopo questa nota di apprezzamento - fin troppo pregevole - concludo dicendo che il cibo palestinese offerto durante la giornata era prelibato: la prossima volta un simile incontro dovrebbe partire, per una maggiore partecipazione, dalle prelibatezze culinarie e culturali piuttosto che da una "conferenza"...
Marco Masini

Presentazione piatti e
cucina palestinese
Ciro Piscelli 
Il "compagno" Gaeta
Mattatore Apuzzo
Don Apuzzo e Don Gabriele
I compagni
Di Bartolomeo e Apuzzo
Eriano e Piscelli
Autorità salutanti: l'assessore Agogliati
Ma non era Piscelli
l'assessore ai muort'?
Rossi increspa le acque
SEL c'è: Gabriele e
la segretaria Pergolini
Maurizio: uno stato due
popoli
Massimo Rossi
Miriam: se ne parli...
Stefano attento:
Lui ti guarda....

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.