giovedì 15 marzo 2012

Il testo della delibera sulla trasparenza: chi ci sta e chi no?

Come ricordato nel post sui "supplementari", la delibera sulla trasparenza è stata ritirata per una integrazione (?) che Valli vuole apportare: la sua firma!
Ha presentato, in fantastica contemporaneità e dopo l'annuncio del sottoscritto in data 31 dicembre, trasmissione alla maggioranza a novembre e reiterate richieste sino alla scorsa settimana.
Si tratta di due mozioni molto simili che valuteremo nella Conferenza dei Capigruppo.
Obiettivo: il Comune come una "casa di vetro". Chi vi accede deve essere visto entrare, cosa fa quando è dentro e deve essere visto uscire...
Da una parte una maggioranza "suonata" ma convinta e corroborata da gesti inappuntabili come le recenti dimissioni ma imbarazzata dalla circolazione di registrazioni casareccie, e che impongono un'operazione eticamente ineccepibile come il lasciar conoscere il proprio status pre, post e seguente all'elezione o alla nomina, dall'altra un'operazione di speculazione politica, protratta per mesi da oppositore ma che sfocia solo ora a risultato.

Gli esempi ormai si sprecano. Iniziato da Monti, anche Milano ha fatto outing... e se l'ha fatto Pisapia, che "nascondeva" un reddito superiore agli 800mila euro, nulla osta ad alcun altro.
Nel frattempo, però, a Rozzano, l'unico che ha reso pubblico e disponibile il proprio reddito è il sottoscritto.
Durante il consiglio, parole di presa di distanza dal testo presentato da parte di Moro.... alla cui ragione risultano eccessivi (!) alcuni passaggi. Vedremo di cosa si tratta.
Nel frattempo, al "moralizzatore" Valli va il demerito di ritardare ulteriormente l'operazione e di lasciare spazio a discussioni che ne ridurranno la portata, dopo che ero riuscito a portarlo in consiglio con l'avallo di tutta la maggioranza. Complimenti!
Ecco il testo nella parte del dispositivo:


Il Consiglio Comunale impegna la Giunta, fermo restando gli obblighi di legge sulla privacy, a garantire:
  
1) che, a far data dall’approvazione del presente Ordine del Giorno, la ricerca delle deliberazioni adottate dagli organi comunali, suddivise per anno, argomento, organo competente e relativo iter sia possibile per testo e per estremi;
2) che siano pubblicati le interrogazioni, interpellanze, mozioni, ordini del giorno - con l’indicazione dei proponenti e lo stato del loro iter;
3) che sia pubblicato l’elenco delle ditte fornitrici;
4) che gli  atti di incarico ad esterni contengano sempre:  soggetto assegnatario, tipologia dell’incarico, compenso, data di inizio e di termine dello stesso, settore proponente, motivazione dell’incarico, se trattasi di estensione di precedente incarico, altri incarichi eventualmente già deliberati dal Comune o società controllate, con relative retribuzioni. Gli incarichi devono essere riassunti sul sito in un elenco da cui si deve poter accedere ai dati di ogni incarico;
5) che per ogni organismo partecipato dal Comune siano  pubblicati e aggiornati la ragione sociale, i dati essenziali di bilancio, i nominativi dei consiglieri di amministrazione, precisando quelli nominati o espressi dal Comune, i relativi curricula e gli emolumenti;
7) la pubblicità sul sito istituzionale dei lavori consiliari, con relativa archiviazione, fruibile, attraverso resoconto con indicizzazione.

Devono, inoltre, essere pubblicati sul sito istituzionale del Comune:

1) per il Sindaco e per ciascun membro di giunta i seguenti dati:
· nome e cognome, luogo e data di nascita;
· il numero di codice fiscale;
· gli incarichi elettivi e/o pubblici ricoperti nel tempo;
· lo stipendio, i rimborsi, e/o i gettoni di presenza percepiti a qualsiasi titolo dal Comune;
· situazione reddituale e situazione patrimoniale relative all'anno precedente l'assunzione dell'incarico e agli anni in cui l'incarico è ricoperto;

2) per ciascun consigliere comunale
· nome e cognome, luogo e data di nascita;
· il numero di codice fiscale;
· l’elenco degli incarichi elettivi ricoperti nel tempo;
· lo stipendio, i rimborsi e/o i gettoni di presenza percepiti a qualsiasi titolo dal Comune;
· situazione reddituale e patrimoniale relative all’anno precedente l’assunzione dell’incarico e agli anni in cui ricopre l’incarico; -
 · il quadro delle presenze ai lavori dell’istituzione di cui fa parte e i voti espressi sugli atti adottati dalla stessa.

3) per ciascun gruppo consiliare
· rendiconto delle entrate e delle spese dei gruppi consiliari;

4) per il Consiglio Comunale
· rendiconto delle spese di funzionamento””


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.