venerdì 30 marzo 2012

Affitti di lusso, Milano è low cost e fa gola agli stranieri


I "giardini verticali" dell'assessore Boeri a Porta Nuova

Il capoluogo lombardo è al 20° posto nella classifica europea del prezzo delle locazioni di pregio: «Gli stranieri vengono per studio e per affari, attratti dai nostri poli d'eccellenza e dal fermento per Expo 2015»

Il mito di Milano come città del lusso a prezzi improponibili viene ridimensionato dalle ultime analisi della Camera di Commercio meneghina. I numeri ci dicono che è al 20° posto nella classifica delle città europee più care per quanto riguarda le locazioni di pregio, superata anche da Roma che si colloca al 17°, e anche chi lavora nel settore lo conferma: «Per la clientela business internazionale Milano è una città dai prezzi decisamente abbordabili» spiega Guido Edoardo Alliata, titolare di RentClass, società leader nel settore degli affitti a breve e medio termine che gestisce un pacchetto di una sessantina di immobili di alto livello nel capoluogo lombardo. «I prezzi milanesi non sono nemmeno paragonabili a quelli di Londra, Parigi o Zurigo, le prime tre classificate per la Camera di Commercio».

Ma che cosa attrae la clientela straniera a Milano? «Abbiamo poli universitari d'eccellenza, come la Bocconi per l'economia e lo IED per il design, che attirano studenti da tutto il mondo e in particolare dalla Russia, dall'India e dalla Cina, dove strutture del genere non esistono e allora Milano batte la concorrenza anche per i prezzi -continua Alliata-. Molto si sta muovendo anche in vista di Expo 2015, con diverse compagnie che iniziano a inviare qui i loro manager in vista dei progetti che interesseranno la grande esposizione universale».
La propensione verso la città metropolitana può inserire anche Rozzano in una prospettiva di policentricità ed inserirci in un contesto di crescita culturale ed ambientale di più elevato respiro, senza rinunciare ai nostri servizi, ma vieppiù ottenere lavoro, mobilità e altro che farebbe della nostra città una attrazione che gli possa consentire una sostenibilità sociale ed economica di lunga prospettiva.
MM

1 commento:

  1. la vedo difficile per rozzano attrarre cosa...
    oramai il divario centro e periferia è parallelo a quello di ricchi e poveri (non quelli che cantano ahime')

    andrea

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.