domenica 26 febbraio 2012

Da Rizza e Cuvello rispetto delle istituzioni. Ora un rimpasto atteso.

La lettura delle dimissioni del vice-sindaco Rizza e del consigliere Cuvello può essere fatta attraverso gli organi si stampa, che, a seconda dell'elaborazione critica che ne hanno fatto, restituiscono una visione dei fatti e una conclusione attesa ma non scontata.
I fatti (la storia) hanno, inoltre, "rispettato" le indicazioni venute dalla micro-indagine sviluppata in questi giorni sul Blog.
Su Milano Lorenteggio, viene riportata integralmente la "velina" del Comune, che, in modo cauto e caustico segnala che le dimissioni sono il frutto di "motivi personali".
Più dettagliata è la lettura del Corriere della Sera, che senza mezzi termini ma senza ricostruire la completa cronistoria della vicenda introduce compiutamente il legame tra le stesse e le vicende della scorsa estate, passando per la denuncia di SOS Racket Usura.

Ancora più profonda è l'analisi di Milano Today, che, con un titolo che lascia poco spazio alle interpretazioni ("Rozzano, vicesindaco e consigliere in "combutta" con malavitoso"), e riprendendo la ricostruzione più "maliziosa" ("Lo spacciatore e il consigliere del Pd. Come ti condiziono il comune di Rozzano") dal servizio de Il Fatto Quotidiano, riporta una sintesi della situazione nelle modalità che a noi sembrano più plausibili. Si apprende, infatti, che Cuvello sia stato "parecchio spaventato" per le pressioni ricevute e che Rizza avrebbe agito per verificare lo stato delle licenze alla base degli attentati incendiari, comunicandole al mandante degli stessi.
Tutto ciò ha portato alle dimissioni, che, sebbene non dovute, hanno tolto dall'imbarazzo la maggioranza. Rizza e Cuvello non sono, infatti, soggetti ad alcun provvedimento ne ad avvisi di garanzia, e la loro scelta, di "carattere personale", è un bel segnale: in un Paese dove l'essere garantisti viene confuso con il "non mollo la sedia sino a che la Magistratura non mi abbia definitivamente condannato", a Rozzano, un "quartiere all'ombra del Duomo" (definizione de Il Fatto!!) si è proceduto tenendo conto del prestigio e del rispetto delle istituzioni.
Si apre ora il dibattito e l'attesa per il "rimpasto".
Sul blog abbiamo realizzato una mini indagine per verificare le indicazioni dei frequentatori e gli auspici derivanti dalla situazione. Riportiamo la sintesi.
Il 15% della media del numero di visitatori giornalieri sono state nell'interesse ad una soluzione come quella poi realizzatasi con le dimissioni di Rizza e Cuvello.
I cittadini che hanno seguito la vicenda per tramite di Rozzano Futuro si sono espressi, comunque, in gran maggioranza  (92%) per un'azione incisiva di soluzione all'impasse determinata dalle note vicende della scorsa estate.
La richiesta di cambiamento si è, dunque manifestata in modo importante, ed è significativo che, al secondo posto, si sia addirittura palesato l'interesse per una situazione inusuale (ma che ci tenni a sottoporre all'attenzione) di una Giunta "tecnica", sulla falsariga delle figure istituzionali del Governo nazionale.
Non sono dati statistici significativi, ma riflettono una tendenza che sta montando a livello nazionale, dove alla politica è richiesto un "maggiore spessore e rigore morale" rispetto a quello delle persone "normali".
In questo senso dobbiamo ringraziare del loro gesto Salvatore Rizza e Franco Cuvello che hanno scelto di mantenere una onorabilità ed un rispetto per le istituzioni al di la di ogni presunzione di attaccamento al ruolo.
Marco Masini

2 commenti:

  1. caro masini pultroppo al sig. cuvello anche se si e dimesso non inporta piu di tanto. e sai perche? tanto a lui gli interessa solo fare i mercatini e guadagnare i suoi novemila/diecimila euro ogni domenica alla faccia di quelle persone che guadagnano solo si fa per dire 500 euro al mese e poi ti senti dire pure che sei uno sfigato! ma il sig. sindaco dove e? mi sembra una pagliacciata non ti pare????? per cortesia rispondi maurizio

    RispondiElimina
  2. caro masini pultroppo al sig. cuvello anche se si e dimesso non inporta piu di tanto. e sai perche? tanto a lui gli interessa solo fare i mercatini e guadagnare i suoi novemila/diecimila euro ogni domenica alla faccia di quelle persone che guadagnano solo si fa per dire 500 euro al mese e poi ti senti dire pure che sei uno sfigato! ma il sig. sindaco dove e? mi sembra una pagliacciata non ti pare????? per cortesia rispondi maurizio

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.