domenica 5 febbraio 2012

"Il Sindaco di Tutti" parte 1: il ricordo di Franco Chionna al ventesimo della sua scomparsa. Note di attualità.

Inizio, con questo post, una serie di riflessioni sulla Rozzano di oggi e le sue origini, prendendo lo spunto dalle celebrazioni del 25° anniversario della scomparsa di Giovanni Foglia, sindaco per un quarto di secolo della nostra città.
Per iniziare, riporto un contributo di Franco Chionna del 2007, un post di allora sul web-magazine "rozzano oggi", al ventesimo anniversario dalla scomparsa di Giovanni Foglia.
Alcune "pennellate" d'inchiostro dell'amico Franco (storico giornalista della città) che ricordava il contributo di Foglia alla città, reso epico dalla distanza temporale...
Marco Masini


Rozzano. Ricorre in questi giorni il ventesimo anniversario della scomparsa di Giovanni Foglia, primo cittadino a Rozzano dal 1960 al 1985, per ben cinque legislature. Partigiano e dirigente del PCI negli anni cinquanta, è stato anche amministratore del comune di Merlino nel lodigiano, quindi Sindaco a Rozzano, infine Consigliere Provinciale. E' stato un politico che, con il suo quotidiano vissuto, ha dedicato la sua vita alla città, conseguendo risultati eccezionali sia per quanto riguarda la struttura urbana, sia per il livello delle dotazioni pubbliche realizzate.
Innanzitutto, con armonia paesaggistica, egli puntava a ridurre le capacità insediative per quanto possibile e l'abbassamento degli indici di edificabilità più alti, per "ridurre gli appetiti" dei costruttori. Le scelte per la città che cresceva erano frutto di discussioni leali e intense, rivolte sempre al bene collettivo al fine di ottenere servizi per la città. Nella vita politica queste scelte erano affrontate rispettando sempre gli interlocutori, fossero essi avversari o alleati. Negli ultimi tempi segnalò con schiettezza una preoccupazione crescente per la disgregazione nei partiti e nella società civile. Un fenomeno che aumentava le distanze tra gli interlocutori e i cittadini, quindi poteva imbarbarire la politica. Come sempre "il Sindaco di tutti", con semplicità, arguzia e concretezza, anticipava e intuiva ciò che si profilava all'orizzonte, ossia il futuro che stava arrivando e, che in qualche caso, intravediamo oggi. Senza praticare il passatismo di maniera, sarebbe utile ripassare più spesso gli avvenimenti di oltre un quarantennio della nostra città, nel quale oltre la metà furono vissuti in un epoca complessa. Ci insegnerebbe, il quarto di secolo alla guida di Giovanni Foglia, che al primo posto c'è sempre stato il rispetto delle persone, per tutti allo stesso piano, indipendentemente dal ruolo svolto. Questo per costruire il futuro della nostra collettività, senza presunzione di imporre le decisioni di oggi, senza mai perdere di vista il passato o cancellandolo frettolosamente.
Franco Chionna

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.