mercoledì 7 dicembre 2011

COMUNICATO STAMPA - Rozzano, Masini: "Un buon PGT, ma si può ancora migliorare con i cittadini!"

Dopo l’adozione del Piano, Masini rilancia per un ulteriore miglioramento prima della definitiva approvazione 
Il Parco 1

Rozzano, 6 dicembre 2011 – Il Presidente della Commissione Territorio, ingegner Marco Masini, dopo essersi felicitato con tutta la maggioranza al termine della seduta del consiglio comunale di ieri sera, che ha portato all’adozione del PGT Rozzanese, rilancia: “come per tutti i passaggi istituzionali, l’approvazione di un documento così corposo e complesso come il Piano di Governo del Territorio, ed un serrato confronto in Consiglio e fuori, lascia intravvedere ulteriori spazi di miglioramento”. Masini si dichiara soddisfatto, sia per il lavoro svolto nella Commissione Territorio, per la discussione in Consiglio Comunale (sebbene tarpata nei tempi per le necessità operative) e per la partecipazione istituzionale, ma crede di aver individuato già alcune possibilità in questo senso. (continua...)
Dalla necessità di arrivare a proporre alla cittadinanza uno strumento per il confronto e la rappresentazione di un’idea di città, basata sull’estensione del patrimonio verde pubblico ed un sostanziale annullamento del consumo di suolo rispetto al già urbanizzato, con molti aspetti innovativi come la compensazione ecologica, si può arrivare ad ulteriori miglioramenti basati su aspetti che sono stati tenuti sotto traccia”.
Nel corso di questo ultimo anno e mezzo, Masini dal suo blog rozzanofuturo.it e negli interventi pubblici ed in aula, aveva già accennato in più occasioni alla necessità di introdurre gli aspetti di studio e valutazione della mobilità, integrando il PGT con un Piano per la Mobilità Sostenibile, un Piano Urbano del Traffico e delle Merci e un Piano Energetico per il monitoraggio e l’estensione delle pratiche di efficientamento e di estensione delle energie rinnovabili comprese in questo PGT. “Si tratta di temi che debbono trovare una misura ed una attuazione non occasionale, ma strutturata e monitorata costantemente, al fine di realizzare economie gestionali e incrementi sostanziali di sostenibilità, ambientali e di qualità della vita” continua Masini.
“Certo, in un’ottica metropolitana la sola attività di Rozzano potrebbe non bastare, ma la nostra città ha dimostrato in più occasioni di poter rappresentare la capofila di percorsi virtuosi di aggregazione per realizzare delle eccellenze diffuse, in questo caso energetiche”.
Inoltre, l’analisi puntuale di alcune aree problematiche definite nel Piano delle Regole, il documento di gestione dell’esistente, potrà apportare qualità anche a livello micro. “Mi aspetto che le associazioni ambientaliste e i cittadini, superata e apprezzata l’analisi strategica e macroscopica del Documento di Piano per lo sviluppo, si impegnino nella realizzazione di osservazioni e suggerimenti prima dell’approvazione definitiva. Questo potrà portare l’Amministrazione a concludere, anche sugli aspetti di vivibilità “spicciola” ma quotidiana, un Piano che ha volato alto, ma che deve vivere tutti i giorni nella nostra esperienza reale in città”.
Sollecitato su questo approccio sempre piuttosto critico all’interno della maggioranza, in questa come in altre occasioni, Masini risponde che “ho mantenuto una sostanziale sintonia in tutto il percorso di redazione del PGT, ma ritengo che osservazioni, stimoli e critiche – quando sensate - servano solo a stimolare la dialettica e l’intelligenza: il confronto, anche serrato, porta sempre a miglioramenti di ogni situazione. Anche il PGT, per necessità di tempo e burocratiche, ha dovuto rispettare dei passaggi istituzionali, che però non devono congelarlo. I contributi interni ed esterni devono essere sempre vagliati con rispetto e umiltà: non si nasce “imparati”!”.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.