mercoledì 23 novembre 2011

Esercizi commerciali senza licenza: una fonte di redditi per il Comune?

Dalla stampa nazionale rileviamo che la Guardia di Finanza scopre raggiri ai Comuni italiani da parte di oltre 1600 commercianti, che esercitano senza le dovute licenze. Questo costituisce un danno economico per la collettività ed un danno per i commercianti onesti per l'indebita concorrenza.
A Rozzano, come in ogni parte d'Italia, stanno chiudendo e ri-aprendo molti esercizi, ed il fenomeno è in forte crescita. In questo periodo di crisi è forte la tentazione di vendere CASH al miglior offerente (o meglio a chi ne dispone) senza preoccuparsi del seguito.
In Consiglio Comunale, i consiglieri Angelo Carucci e Leonarda La Spina hanno sollevato la questione durante la fase delle comunicazioni, chiedendo una puntuale azione di controllo del territorio al fine di garantire che a Rozzano tali condizioni non si manifestino.
Già in passato segnalammo situazioni anomale dal punto di vista sanitario e normativo, per le quali si chiese una verifica (), oggi, stante la difficile situazione economica, è bene mantenere alta l'attenzione a tutela dei commercianti onesti e per reperire risorse per tutti i cittadini, garantendo il rispetto delle regole.
Marco Masini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.