giovedì 20 ottobre 2011

PGT presto in adozione: altri incontri con le associazioni e un percorso in commissione congiunta Territorio-Ambiente

Ieri e l'altro ieri si sono svolti altri incontri con le principali associazioni e comitati rozzanesi per approfondire le principali questioni relative al PGT. Del tempo particolare è stato rivolto al comitato Occhi Aperti, che si è fatto sentire piuttosto rumorosamente nell'ultimo periodo, ma con poco seguito cittadino.
In realtà molte delle questioni più importanti hanno trovato ampia condivisione. Andiamo con ordine.
Un tema sul tavolo è stata la dotazione di servizi. Su questo...
 ....l'Amministrazione ha ribadito anche con il supporto dei tecnici che hanno collaborato alla redazione del Piano, la convinzione e la garanzia che s'hanno da farsi. La cooperazione con gli operatori che vorranno recuperare le aree dismesse o coloro che intendono sviluppare sarà un elemento centrale per l'azione: infatti una "progettazione partecipata" che mescoli l'interesse pubblico alla conservazione del territorio ed alla fornitura dei servizi e l'interesse privato a realizzare un lecito profitto è la chiave di volta per non lasciare lettera morta ad un qualsiasi intervento per la città futura.
La compensazione è un elemento centrale. Costruire a Rozzano (come in qualsiasi zona del territorio italiano, ormai asfittico) ha degli impatti notevoli, perciò la valorizzazione e l'impreziosimento delle aree che vengono cedute al pubblico e il connubio di servizi pubblici in aree private deve portare a un saldo positivo per la città, con l'ottica di una sostenibilità sociale, ambientale ed economica di lungo periodo.
Sui temi "caldi", come le attrezzature sportive, si è ribadito che l'Amministrazione non intende rinunciarvi, e, se del caso, gli spostamenti saranno a rendere ogni struttura più accogliente.
Sul fronte del progetto Centro, si è ribadita l'intenzione di dotarla di servizi di valore, tra cui un auditorium polifunzionale, che, solo quando disponibile, renderà "ex" il cine-teatro Fellini. In quell'ambito il Parco 1 è sicuramente un area di pregio per la città da preservare (e questo a eliminare i chiacchiericci in merito).
Alcuni temi collaterali ma centrali per la qualità della vita hanno riguardato il piano di azzonamento acustico, dove, ad esempio nell'area della centrale del quartiere Alboreto, si è proceduto a garantire il più alto livello di protezione con una classe III. Permangono delle questioni da risolvere nel brevissimo per le emissioni inquinanti che devono essere riportate sotto controllo.
Complessivamente un piano equilibrato, con un'attento controllo della valorizzaizone ambientale, con aree di nuova concezione per un'agricoltura sostenibile a partecipazione dei cittadini, con corridoi ecologici e rinaturalizzazione di molte aree.
Molte delle intenzioni indicate sul PGT per una costruzione sempre più sostenibile verranno recepite nel regolamento Edilizio, spostando ancora più in avanti la sostenibilità complessiva di ogni intervento.
Il PGT, con la proposta di approvazione della VAS (Valutazione Ambientale Strategica) approderà nelle commissioni congiunte Territorio e Ambiente a partire dalla prossima settimana, per consentirne l'adozione a Novembre. Dopo l'adozione vi sarà ancora tempo per - finalmente - ragionare s un documento compiuto ed apportare le ultime correzioni o aggiustamenti.
Oltre ad aver avuto un incontro "privato" con l'assessore Gaeta ed il Sindaco, i rappresentanti del comitato O.A. hanno anche partecipato ad un incontro delle associazioni dove hanno potuto apprezzare che non tutti la pensano come loro: infatti genitori di figli "calciatori" hanno detto chiaramente che non vedono l'ora di avere delle strutture degne, e che un nuovo auditorium per una migliore e più rica fruizione potrebbe tranquillamente soppiantare il "monumento" Fellini (fu-Felix).
Come a dire, che ogni opinione è benvenuta, ma gli interessi dellà città da considerare sono quelli della maggior parte degli abitanti, che include una gran parte di coloro i quali hanno avuto il piacere di fruire di servizi di qualità in questi anni, molti dei quali ereditati dalle passate amministrazioni e che vanno manutenuti, ergo spesati a meno di - in modo molto tranchanté - tagliare omogeneamente a tutti modello Tremonti, il commercialista al Governo.
Marco Masini

4 commenti:

  1. Ma si sa orientativamente quando verrà pubblicato il PGT?

    RispondiElimina
  2. Credo all'interno di uno dei consigli comunali di novembre. Da lì partirà l'effettiva possibilità di commentarlo da parte di tutti, istituzioni comprese. Sin ora si è trattato di "formarlo", ed ecco perchè la'mministrazione si è riservata di farlo come crede. L'onore e l'onere della proposta sta a chi ha la maggioranza (anche se oggi alquanto risicata), ed è importante avere il rilascio del documento ufficiale (adottato, in gergo) per poter imprimere modifiche o cambiamenti prima della definitiva approvazione. Questa credo avverà con il nuovo anno.
    Marco Masini

    RispondiElimina
  3. Caro Marco un solo dato, da documenti ufficiali, il PGT in discussione ha una cosa certa, portare la popolazione Rozzanese a 55691 abitanti con le coseguenze del caso.
    Saluti Pietro Moro C.C. PDL

    RispondiElimina
  4. Il dato di prospettiva (ma solo potenziale) è certo. Hai ragione. Ma anche il dato del PRG del 1989 diceva la stessa cosa, e fu ritenuto altrettanto certo.
    Tra il dire ed il fare c'è di mezzo la voglia di attuarlo da parte degli imprenditori.... Il PGT da questa possibilità, ma non è detto che essa si compia.
    Marco Masini

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.