venerdì 15 luglio 2011

Presentati il Piano delle Regole ed il Piano dei Servizi del PGT

Nella commissione Territorio del 12 luglio sono stati presentate le prime bozze dei documenti che accompagnano il Documento di Piano e completano il PGT: il Piano delle Regole ed il Piano dei Servizi.
Alla commissione hanno partecipato i professionisti che stanno collaborando con l'Ente nella redazione del PGT, illustrando le fondamentali chiavi di lettura dei documenti che, contrariamente al passato, hanno il pregio di offrire una lettura più chiara delle possibilità di intervento e di evoluzione della città, ma che spezzano la lettura in più cartografie, rendendone più complesso l'utilizzo.

Dalla lettura del Piano dei Servizi si rileva una grande attenzione all'ambiente e alla sua conservazione, in special modo con l'accrescimento delle aree protette e specializzate. L'intenzione di ricercare una programmazione alla loro durata e manutenzione in termini di funzione pare un buon viatico per la loro persistenza nel lungo periodo. Le aree agricole si intendono far vivere ed il piano si offre alla ricerca di soluzioni reali e non improvvisate. In questo caso ci saranno ben 80 ettari in pieno Parco Sud che necessiteranno di una pianificazione reale per mantenere la loro vocazione senza detrimento per il territorio e con una reale possibilità di imprenditoria agricola.
L'accento della discussione è stato, come sempre, per la cesura che l'area D3 e le sue eccellenze (riassunte nel termine "città nuova" coniato dall'Amministrazione sul Documento di Piano), che determineranno, secondo SEL un'isola staccata dalla città esistente. L'assessore Gaeta ha opposto sin da subito che il mix di funzioni (50% residenziale e 50% terziario) e la volontà di inserimento di un quota importante di Housing sociale permetteranno di evitare questo effetto, valorizzando, anzi, i benefici possibili a tutta la città per tramite anche delle nuove opportunità viabilistiche.
Per ciò che concerne il Piano dele Regole, si tratta di riordini in ambiti limitati che non hanno una portata così  ampia da essere oggetto di trasformazioni territoriali in porzioni significative del territorio. E' un percorso in divenire che trova costante attenzione da parte dell'Amministrazione rendendo posibile ogni singolo intervento per la riqualificazione di ambiti ristretti ma importanti ad esempio nelle frazioni come Quinto e Valleambrosia.
I documenti sono in fase di finalizzazione, e a settembre saranno presentati completi ai commissari per una valutazione complessiva.
Marco Masini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.