venerdì 12 novembre 2010

Aler Nord: disservizi e ristrutturazione mancante

I palazzi dell'Aler stanno invecchiando velocemente. Un segnale è il frequente problema dello scoppio delle tubature dell'acqua, la fermata degli ascensori e l'interruzione dei servizi, che indica la criticità degli apparati tecnologici.
L'ultimo, in ordine di tempo, ieri, in via Rododendri, dove solo l'intervento dei Vigili del Fuoco ha consentito di far tornare frequentabile e sicuri gli spazi delle cantine.
La cittadinanza, come sempre, si è mostrata grata agli operatori intervenuti sul posto; i caffè non sono stati fatti mancare.

Il problema della ristrutturazione della parte Nord del Quartiere Aler diventa impellente. Gli accordi del Sindaco con il Presidente Aler, Zaffra, devono trovare una veloce possibilità di applicazione, altrimenti si rischia di continuare a mantenere una gran parte dei nosttri cittadini in condizioni di estremo disagio, tra ascensori che non funzionano, acqua nelle cantine, interruzioni della luce o della fornitura di riscaldamento, etc. etc. Senza dimenticare che, sebbene sarà la centrale AMA a fornire il calore al quartiere a costi energetici ed ambientali inferiori, il benessere non potrà essere garantito.
Marco Masini

P.S. Queste case non possono essere vendute, nemmeno ai famosi 5.000 euro proposti in campagna elettorale.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.