mercoledì 13 ottobre 2010

ARTO: lo scarto!

Ovvero, “io scrivo negativo”. Parlammo tempo fa della parte positiva dell’attività dei writers, sostanzialmente legata ad una attività para-artistica, capace di colorare la città e renderla più bella, capaci di far tornare a significato muri e spazi altrimenti insignificanti.
A Rozzano, oltre a quei writers, opera un deficiente che si firma Arto (ed io aggiungo “lo scarto”), capace, invece, di realizzare sgorbi in ogni dove, a segnare - come un cane dalla vescica infiammata - ogni possibile angolo della città.
Questo soggetto, ci dona delle vere schifezze, incapace di comunicare alcunché.
Purtroppo ha anche degli emuli (chissà, in realtà, chi è emulo di chi: la mamma degli stupidi è sempre incinta) nelle vicinanze, come xxxxxx a Gratosoglio.
Chiunque lo vedesse in giro, sarebbe il caso che lo derubasse, per fargli cominciare a pagare per i danni (materiali e psichici) che causa. Ma certo,non lo vedremo: questi soggetti sono anche dei gran pusillanimi…
Speriamo in qualche telecamera o fortunato incontro da parte della Polizia Municipale.
Marco Masini

19 commenti:

  1. credo che sia ottimo come writer.. dipende dai punti di vista ovviamente.. la bellezza è negli occhi di chi guarda.. ma definire arto come lo scarto della società è inappropriato e ingiusto...

    Snapper

    RispondiElimina
  2. il disagio giovanile è ahimè rappresentato in pieno in questo ragazzo, non c'è arto senza uno scarto, bisognerebbe incominciare dalle basi che portano queste problematiche

    RispondiElimina
  3. arto's art rulez
    big up for senape

    RispondiElimina
  4. fare una tag non significa essere writer...ma semplicemente dei poveri repressi -.-''
    gli taggherei casa

    RispondiElimina
  5. è l'invidia che parla..vorreste essere tutti gangsta come arto.
    snevasi

    RispondiElimina
  6. afrellos gayellos

    RispondiElimina
  7. ahah bella the big arto..ma io dico anke bella al senape e alla traffik krew..ahah

    RispondiElimina
  8. Condivido ciò che ha detto sorfosties ROZZANO BOMBERSSSS!!!!!!!!! BIG UP PER ARTO (FRESH UP CREW)

    RispondiElimina
  9. Io sono dell'opinione che c'é davvero troppa gente in giro che '"sporca" sui muri, e precisiamo che scrivo sporca e non scrive. Prima o poi penso che ci arrivino all'idea di finirla. Io adoro le tag, i bombing, i flop e tutto ciò che riguarda il mondo dei writers ma che si esercitino anche fino alla morte su carta prima di imbrattare cosí un muro. E comunque purtroppo le tag di arto non sono solo a Rozzano. Non ho nulla in contrario se continua a scrivere ma per piacere ESERCITATI, se poi capisci che non sei capace basta.

    RispondiElimina
  10. ahah arto the leggend!

    RispondiElimina
  11. Io non trovo che sia un writer come viene descritto dall'articolo, chiaramente c'è gente molto più brava, ma ce n'è anche di molto peggio, è un writer che sta facendo un suo percorso, come ognuno deve imparare e sviluppare un suo stile e lo farà sicuramente, bisogna semplicemente dargli del tempo. Trovo eccessivamente meschine le accuse che qui gli vengono indirizzate, e penso semplicemente che questo Marco Masini non abbia nulla di meglio da fare che insultare. Concordo con il fatto che Arto si debba esercitare, e penso lo faccia, se il writing lo appassiona sicuramente si migliorerà.

    Arto supporter

    RispondiElimina
  12. arto lo scarto!!! hahaha ke sfigato

    RispondiElimina
  13. arto sei un infame ti prenderemo e la pagherai vandaloo carogna e soprattutto ANIMALE FATTO A CRISTIANO!!
    by A.T.M.

    RispondiElimina
  14. Il disagio giovanile che si esprime con un percorso da writer viene a trovarsi in contrasto col disagio di tutti quelli che vorrebbero una città un pò più ordinata. Non credo che il sigor "Arto" così facendo si stia costruendo un futuro, perchè altrimenti, come qualcuno ha detto, forse si eserciterebbe un pò prima di esprimersi e lasciare la sua impronta.
    No, qui l'intenzione è proprio rovinare le cose, far spendere soldi al comune (e a tutti) per sistemarle e non cercare nemmeno di migliorarsi.
    Chi scrive le cretinate e le oscenità è stato rimosso dai commenti.
    Quanto poi al signor Marco Masini (che si firma ed esprime delle opinioni) vorrebbe confrontarsi con chi invece spara ad alzo zero con il supporto dell'anonimato. Paura del confronto civile?
    Un indirizzo e-mail o una riconoscibilità è gradita.
    Ho passato anni con writers che hanno intrapreso "percorsi" che li hanno anche portati a palcoscenici internazionali, ma Arto fa solo TAG del cavolo che imbrattano la città... e non una parte, tutta!!

    RispondiElimina

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.