lunedì 26 luglio 2010

Risposte a Perazzolo e Valli

Una breve nota per rispondere ad alcune insinuazioni fatte dai consiglieri Perazzolo e Valli nell'articolo de La Gazzetta del Sud Milano, riguardante alcune mie esternazioni sulle piazze cittadine di cui ai miei post precedenti.
Alla consigliera Perazzolo segnalo che il progetto che insiste sull'area ex-Romagnoli che ha visto - tra le altre cose - la realizzazione della piazza Alboreto non ha avuto la mia approvazione come consigliere, in quanto è stato "benedetto" dalla consiliatura precedente a quella che ha visto la mia prima partecipazione nel 2004.
E' frutto del lavoro della giunta Malinverno. Comunque le mie considerazioni non sono relative alla presenza della piazza in quanto tale (ce n'è sicuramente bisogno di spazi e aree a vocazione pubblica non asfittici), ma alla destinazione delle funzioni che in essa mancano, per poterla far assurgere ad elemento centrale (come dichiarato inizialmente) della vita e dell'urbanistica cittadina. Invece vive solo delle feste e dei mercati saltuari, che intendono spingere i cittadini ad impossessarsene; ma si tratta di sforzi alquanto vani, in quanto manca un elemento funzionale alla fruizione. Dunque il suo commento è alquanto strumentale e fuori luogo.
Per ciò che riguarda i rilievi del consigliere Valli, mi astengo dal commentare il cosiddetto "alzare il tiro", inteso a rappresentare l'esigenza di essere contraccambiato per tacere.... Dico solo che si può anche far politica per la res publica, il bene pubblico in quanto tale: una voce libera può piacere o meno, ma credo che possa essere d'aiuto per stimolare la dialettica cittadina sia all'interno della maggioranza che per la città.
Per quanto riguarda una candidatura a futuro primo cittadino, dico solo che sarebbe presto e comunque... grazie per la considerazione....
Marco Masini





Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.