martedì 13 luglio 2010

Analisi critica del nuovo parco giochi di Quinto Stampi

La buona notizia è che è stata aperta l'area a parco giochi prospicente piazza fontana a Quinto.
La cattiva notizia è che, temo, i giochi selezionati non saranno particolarmente graditi ai bimbi potenziali utenti, e che occorrerà intervenire per tener conto di alcune problematiche di sicurezza ed incolumità.
Torniamo alla parte positiva. Il fatto che sia stata finalmente aperta l'area gioco è di per sè un bene, perchè, nella sua attesa, i bimbi giocavano tra le fontane e le aiuole della piazza, con qualche gradino ancora in agguato, e con il rischio, durante le giornate di pioggia, di piantare dei gran scivoloni sulle superfici "cementose" della piazza stessa...
 Per queste ultime si dovrebbe prevedere di rendere maggiormente scabra la superficie, altrimenti gli accidenti dei malcapitati si moltiplicheranno...
Per quanto riguarda i giochi, ho fatto una visita ispettiva con figlia-utente al seguito, e di seguito porto il resoconto.
L'area è composta da un'ottima superficie "gommosa" che sarà utile ad attutire gli urti in caso di caduta, e ricopre tutta l'area. I colori, allegri e ben disposti, rendono chiaramente individuabile e gradevole la fruizione.
I giochi hanno, ahimè, una difficile interpretazione, e questo è il minore dei mali: di per sè la necessità della scoperta non è d'intralcio, ma di stimolo. Solo che tale estasi dura un niente...
Partiamo dall'"altalena spaziale" o "dondolo rotante". L'idea, di per se buona, ha il difetto di richiedere la partecipazione al gioco di un gruppo di bambini: da soli non la si può usare, in due nemmeno, a meno che uno non sia alto almeno un metro e settanta (per arrivare a terra con le gambe e spingersi). Quindi bisogna essere almeno in tre; ciò è buono o meno, a seconda che la fruizione sia di gruppo. La struttura sembra ben equilibrata, ma "[cito] la girandola che sull sommità costituisce un limitatore della velocità che sfrutta l'attrito dell'aria" è alquanto ridicolo: per ottenere un qualche effetto (di limitazione), avrebbe docuto avere una superficie d'ostruzione molto maggiore e una velocità di rotazione che difficilmente dei bambini sarebbero in grado si sopportare! Apprezziamo lo sforzo legato all'educazione tecnica...
Passiamo al "rotore ad asse sbieco" (è un tentativo di definizione). Qui il problema è: sarebbe bello provarlo. I cuscinetti reggispinta che dovrebero sostenerne la struttura e facilitarne il moto rotatorio sono quasi completamente bloccati. La figlia non ha potuto "apprezzarlo"! Da sistemare....
C'e' anche un'altalena, classica, ma sino quattro posizioni. Se non fosse che il fulcro è instabile, e meccanicamente alquanto fragile, è l'unico che si sa dove si andrà a parare: la progettazione meccanica è da rivedere.
La "ruota spaziale" ha il problema del "rotore ad asse sbieco": i cuscinetti sono piuttosto resistenti al moto: sono già arrugginiti? La figlia, qui, non sopportando il vortice (a basa velocità), ma è un problema suo, non ha voluto roteare per più di 20 secondi. Ai maschietti potrebbe piacere, ma ne occorre uno particolarmente muscoloso.
C'è poi il "sedile rotante", tipico accessorio di Goldrake: questo gira, e pure bene! Apprezzato, ma senza handles, maniglie, risulta alquanto scomodo per lunghi viaggi....
Per quanto riguarda la sicurezza, faccio mie le perplessità espresse anche dal consigliere Moro in merito alle panchine: soprattutto per quelle in area giochi, gli spigoli vivi potrebbero risultare estremamente pericolosi, in virtù del gran movimento dei bambini proprio in un'area giochi a loro dedicata. Il problema è presente anche per il lampioncino a spigoli altrettanto vivi vicino ad una delle panchine: si trova a non più di un metro e venti da terra.
Un ultima valutazione sulla pulizia: o ci mettiamo in programma di essere più presenti con risorse dedicate, o la piazza andrà presto in decadenza. La sporcizia (e l'inciviltà della gente) è sempre presente, ed una pronta rimozione aiuterebbe certamente. La fontana, l'area giochi, e un pò tutta la piazza mostra segni di degrado. Occorre prestare maggiore attenzione.

Marco Masini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.