mercoledì 30 giugno 2010

Cartelloni pubblicitari, ritorna la legalità

Ricordate i post relativi al problema dell'invasione dei cartelloni pubblicitari a Rozzano? Segnalammo la questione in merito a quelli che, per disposizione del Codice della Strada non potevano essere installati a bordo tangenziale, ma la reale situazione di illegalità era ben più grave.
Sul territorio di Rozzano alcune aziende sbeffeggiavano il piano di installazione ed il pagamento della tassa riempiendo ogni strada di cartellonistica d'ogni foggia e tipo, ad onta del decoro urbano e della decenza.
Ebbene, oggi, su indicazione della Polizia Municipale, hanno cominciato una prima opera di smantellamento. I cartelloni che campeggiavano tra via Curiel e via Buozzi in località Gambarone sono stati rimossi!

Nelle foto alcune fasi dell'operazione.
Non sarà gran cosa, ma finalmente vi è un ripristino di legalità.
Come è avvenuto? La vigilanza, per poterli abbattere, aveva necessità di fondi nel capitolo di bilancio del Comune destinato a questo, che però mancavano. Appena "ricevuti", ha incaricato API dell'abbattimento.
C'e' da chiedersi se i denari accumulati con le sanzioni (circa 300 euro al giorno), se fossero elevate ogni giorno, permetterebbero il finanziamento di tale operazione, finiscono per alimentare queste operazioni, oppure vanno in un calderone che, alla fine, non consente il puntuale intervento per il controllo del territorio.
Marco Masini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.