martedì 2 marzo 2010

Ri-Progettino i parchi gioco: diamo ai bimbi ciò che è dei bimbi!

Dopo un pomeriggio a giocare in un parchetto di Rozzano con due figlie, ti rendi conto esattamente se si stanno divertendo o meno dal tempo che impiegano a dirti "papà, quand'è che andiamo?".
Quel tempo, quando è molto corto ti fa porre delle domande, che giri alle dirette interessate. Ebbene, il terzo grado sui motivi della noia mi ha portato a comprenderne le ragioni: il parchetto, o meglio, le strutture gioco non erano adeguate alle esigenze del gioco!
I bambini hanno delle esigenze e dei desideri molto chiari ed articolati. Vanno forse guidati, ma la memoria non li tradisce. "Ti ricordi quel gioco al parchetto di Milano?... Quello di Quinto era bello... A Deiva c'erano gli anelli..." e via di seguito.
Insomma, ciò significa che è bene dargli la guida nella progettazione.
Raccolta l'esigenza ne ho potuto parlare con la direzione dell'ufficio tecnico e con l'assessore alla partita Caterina Mallamaci, ed abbiamo concordato che è il caso di tornare ad un esperimento che è stato abbandonato: la progettazione partecipata dei bambini per i parhci gioco.
Per far questo abbiamo penato di avvalerci di una istituzione: il CCR, il Consiglio Comunale dei Ragazzi, formato da autorevoli rappresentanti sicuramente in grado di svolgere il compito al meglio.
Non solo. Da buon tecnico, ho subito studiato la materia e verificato le norme, così come le cosiddette best practices, i migliori esempi in circolazione. Ebbene, nel primo caso ho scoperto che esiste addirittura una norma UNI, la 11123:2004, che indirizza la progettazione in modo da tenere in debito conto gli spazi, la sicurezza e altri ammennicoli, e nel secondo caso ho scoperto che non esistono moltissime pratiche di "autogestione", ma tutte le volte che si è scelto tale strada è stato di soddisfazione per gli utenti. Quest'ultimo fatto mi è stato anche confermato dal dirigente dell'ufficio tecnico, che mi ha racconato del naufragio dell'esperimento, dovuto all'incuria del periodo in cui i parchi non erano protetti durante le ore serali.
Bene: è ora di ripartire.
Redigerò una bozza per il progetto da condividere con i responsabili e.... arriverderci al primo CCR utile!
Marco Masini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.