domenica 21 marzo 2010

Oggi è primavera, ma i fiori non ci sono ancora

Ma ci sono in Sicilia! In settimana son passato (!) da Catania, e lì, fuor di dubbio, la primavera sta già incalzando.
Fiori e profumi inusitati per noi lumbard... soprattutto in questo periodo.
I colori che ci offrono sono tutti intensi: giallo, viola, azzurro, ... una distesa che, dopo un inverno alquanto pesante, rinfranca e rigenera lo spirito ed il fisico.
Anche i panorami hanno un peso importante: distese di frutteti (aranci) che si stagliano contro un panorama sovrastato dall'Etna ancora imbiancato dalla neve, danno una sensazione incredibile. Qualcuno racconta d'aver sciato sul vulcano più importante in Europa, addirittura passando non molto distante da alcune fumarole. La neve scende giù sino ai mille metri, dove poi, placida, si adagia Catania, che punta al cratere con la via Etnea, un viale lunghissimo, ricco di commercio, vita.
Spazi che, magari mal gestiti, con strade approssimative, discariche a cielo aperto, danno il senso dell'enorme potenzialità non sfruttata a sufficienza del sud e della Sicilia in particolare.
A volte però mi chiedo se non sta anche in questo non finito, in questo perenne cantiere aperto, la magia del sud, dal quale sai che potresti avere molto, ma che è sempre lì, inespresso, araba fenice che il fuoco distrugge ma non annulla...
Marco Masini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.