domenica 7 marzo 2010

Emergenza Haiti: una raccolta fondi dell’Unicef a Rozzano

La catastrofe haitiana è stata riportata al centro del dibattito cittadino grazie all’iniziativa per la raccolta fondi realizzata dall’Unicef al cine-teatro Fellini di sabato 6 marzo. Il coordinatore locale ha fatto bene a precisare la drammaticità di questo evento catastrofico rispetto a quello de L’Aquila e del Cile. Il punto chiave per la lettura del disastro e della sua reale portata, sta nel fatto che ad Haiti il 50% della popolazione locale (1,5 milioni di persone) ha subito il terremoto, restando uccisa, senza tetto o dispersa, mentre a L’Aquila
la popolazione locale ha avuto il conforto di ben 60 milioni di persone, di concittadini, capaci e organizzati, ed in Cile il rapporto tra i calamitati e la popolazione non colpita è comunque di 1 a 20. Come a dire, Haiti, se non verrà aiutata dalla Comunità Internazionale non ha speranza.

Per recuperare uno stato di normalità occorreranno decenni, a partire dai bisogni della popolazione infantile: prima del sisma c’erano 300 mila orfani, oggi non sappiamo. C’erano le scuole, oggi non ce ne sono più: ne occorrerebbero mille e più, ma chissà quando potranno averle a disposizione. Un pezzo di mondo se n’è andato, è stato messo dalla natura in ginocchio e non potrà che rialzarsi velocemente grazie al contributo degli altri. C’era una canzone che diceva: “gli altri siamo noi”. Sarà importante ricordarcene nei prossimi tempi.
La serata ha visto il contributo dello spettacolo delle allieve dell’associazione “A passo di danza” e della Banda Civica. Al solito le associazioni locali sono molto ben disposte relativamente a queste iniziative di sostegno e cooperazione internazionale, ed un grande contributo arriva dall’assessore Stefano Apuzzo, che sempre e con slancio si prodiga nell’organizzare e rendere possibili eventi che rendono Rozzano una città che primeggia in tutto il milanese per il rendersi disponibile ed attiva al supporto di tutte le popolazioni e paesi in sofferenza. Haiti, l’Africa, L’Aquila, Palestina, non c’è zona del mondo che i rozzanesi non raggiungono!
Grazie ad ognuno di noi.
Marco Masini
P.S. Per la foto di Haiti, grazie al sito Education Week.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.