venerdì 22 gennaio 2010

Si è riunita la Conferenza dei Capigruppo consiliari...

...dopo soli due incontri nel 2009. Sembra così che nel 2010 le prospettive per questo organo di massima rappresentanza del Consiglio Comunale si propsettino più rosee.
Nel corso del 2009 i pochi incontri realizzati hanno portato a consigli confusi, senza ordine e senza la possibilità di capire, organizzare e gestire l'ordine del giorno in maniera condivisa.
La rarefazione delle conferenze capigruppo è stata dovuta, ad oggi, all'esagerata rappresentazione politica di alcune posizioni in suo seno, invece di vertere alle problematiche della gestione del consiglio, come organo consultivo per la Presidenza.

C'è chi ritiene di usare la conferenza come un momento di dissertazione di tematiche pertinenti, ma chi invece vorrebbe ampliare la sua vocazione - ipso fact - introducendo nella discussione temi d'altra natura.
Questo ha portato la Presidenza (G. D'Errico) ad interrompere le convocazioni, per evitare di ... perdere tempo.
La ripartenza sembra migliore. Qui nel seguito una breve sintesi della serata.
"Il CC del 25 p.v. sarà per affrontare tutte le mozioni che si sono accumulate. E’ probabile una estensione a martedì.

E’ stata richiesta (presentato ODG da Valli) di tornare ad iniziare il CC alle 20.00, e fare poi anche più CC consecutivi per esaurire tutto l’ordine del giorno.
Sul manifesto di convocazione del CC verranno apposti i nomi/sigle dei proponenti le mozioni (come, si dice, era in passato).
E’ stato affermato che occorreva portare il PGT in CC con il PGS. Non verrà fatto perché il PGT è in itinere.
La discussione del PGS avverrà in tutte le commissioni, e sarà aperta dalla commissione Risorse e chiusa dalla stessa al termine. Ho dichiarato – per ciò che mi compete – disponibilità ad una discussione su più giorni (se del caso), nella commissione Territorio.
Le comunicazioni ad inizio consiglio saranno fatte tassativamente terminare nei primi 30 min. Ogni comunicazione max 3 min. Solo interventi presentati preventivamente per iscritto.
Ho proposto una metodologia per la presentazione degli emendamenti al PGS del tipo:
1) presentazione emendamento in commissione
2) verifica dello stesso da parte della Giunta
3) proposta di accettazione/respingimento con votazione in CC dopo suggerimento della Giunta (proponente il documento)
questo dovrebbe snellire l’iter.
La proposta è terminare l’esame del PGS entro fine febbraio. Il bilancio verrà di conseguenza approvato entro fine marzo.
Richiesti i bilanci delle Società prima della discussione.
Suggerito che gli emendamenti a delibere di CC discusse durante lo stesso, vengano “dattiloscritte” in una pausa all’uopo, con la tecnologia a disposizione (non manoscritti).
Polemiche sulla presenza di assessori in conferenza capigruppo (oltre all’assessore con la delega Agogliati): troppa interferenza da parte della Giunta.
Suggerita la riunione dei capigruppo con frequenza più alta per evitare i problemi in CC.
Sulla delibera di modifica dello statuto per accogliere il bene acqua: Valli suggerisce di non passare da commissione perché già deliberato il testo da CC, mentre la Perazzolo ha presentato al protocollo un altro ODG con contenuti leghisti."

Marco Masini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.