martedì 22 dicembre 2009

Sulla strada per il PGT

Il futuro della città passerà per la redazione del PGT, cominciamo con l’impratichirci degli strumenti che questo nuovo strumento metterà a nostra disposizione.
Il PGT è lo strumento di pianificazione comunale che, per la legge regionale 12/2005, ha sostituito l’ex Piano Regolatore Generale. Si compone di tre documenti tecnici - il Documento di Piano, il Piano dei Servizi e il Piano delle Regole - che definiscono le nuove linee di sviluppo e trasformazione della città. Per la normativa regionale il Documento di Piano è sottoposto alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS).

Il Documento di Piano individua, a partire da una analisi conoscitiva del territorio comunale, gli obiettivi strategici di sviluppo della città, definendo le politiche di intervento per la residenza e per le attività produttive. Ha validità di 5 anni. È sempre modificabile.

Il Piano delle Regole individua, invece, le parti su cui è già avvenuta l’edificazione o la trasformazione dei suoli, le aree di valore paesaggistico-ambientale, le aree non soggette a trasformazione urbanistica, le aree e gli edifici a rischio di incidente rilevante, gli immobili assoggettati a tutela in base alla normativa statale e regionale, i parametri da rispettare negli interventi di nuova edificazione. Non ha termini di validità. È sempre modificabile.
Il Piano dei Servizi definisce la dotazione e la distribuzione sul territorio comunale di servizi e aree per attrezzature pubbliche, di aree per l’edilizia residenziale pubblica e di aree destinate a verde. La necessità di integrare i servizi comunali viene valutata a partire dall’analisi delle attrezzature esistenti e in relazione agli obiettivi di sviluppo individuati nel Documento di Piano. Non ha termini di validità. È sempre modificabile.

Un breve approfondimento della VAS, Valutazione Ambientale Strategica. Essa ha lo scopo di valutare i potenziali impatti ambientali derivanti dalle linee strategiche proposte nel Documento di Piano del PGT, per verificare che le strategie previste siano coerenti con gli obiettivi dello sviluppo sostenibile. Ove necessario, la VAS individua quindi le azioni di compensazione e mitigazione necessarie a minimizzare gli effetti ambientali che inevitabilmente discenderanno dalle azioni previste nel Piano.
Le valutazioni effettuate nel processo di VAS vengono descritte nel Rapporto Ambientale, che viene redatto anche in forma di Sintesi non Tecnica divulgativa, affinché i contenuti siano accessibili al pubblico non esperto in materia di pianificazione.
Con il PGT, quindi, la città potrà disporre di un documento sufficientemente lungimirante che consentirà di traguardare il futuro della città con semplicità e chiarezza, permettendo di confrontarsi con l’evoluzione dello stesso e indirizzarne dinamicamente la trasformazione.

Marco Masini

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non possono contenere oscenità o parolacce. Se poi sono firmati e' meglio. Saranno soggetti a moderazione del blogger.
Grazie.